venerdì, Novembre 26, 2021
Home Rasatura Tradizionale

Rasatura Tradizionale

Il mondo della Rasatura Tradizionale visto dai miei occhi, Vintage-Barber.

Floid The Genuine After Shave

0

Alcuni “tricks” per un marchio di successo nel mondo della rasatura tradizionale secondo me: storicità del brand, packaging, fragranza che ci riporta al passato. Al caro vecchio Floid non manca nulla di tutto questo. Una storia che parte dagli anni ’30, storia che parla di barberia, di eleganza ma anche di innovazione. Al pacchetto dobbiamo aggiungere la fragranza, che è indiscutibilmente ancora attuale, quindi fresca, mentolata e decisamente alcolica.

Parlando di confezione o packaging, il Floid The Genuine si presenta in un formato da 400 ml, in una bottiglia di vetro piuttosto resistente. Un fluido decisamente privo di sostanze visibili, una soluzione perfettamente filtrata che non necessita di essere agitata prima dell’uso. Apro velocemente una parentesi per specificare che sto provando il The Genuine, la versione si italiana, ma nello specifico quella nuova e non la vecchia. Ne ho parlato in un altro articolo. [dopo la perdita del dominio vintage-barber alcuni articoli sono andati perduti].

________________________

Dunque, fatta distinzione tra la vecchia e la nuova produzione, procediamo con il primo impatto e poi la prova sul campo. Come detto, il colore è decisamente arancio scuro, limpido e sicuramente meno ambrato rispetto al Vigoroso e al vecchio Floid italiano, che era appunto molto meno arancione ma tendente all’ambra e al giallo. Il primo impatto ricorda subito qualcosa che ha a che fare col mondo della barberia, anche moderna, queste note piuttosto “talcate” e floreali, con una notevole natura fresca e mentolata. Il talco ci riporta inevitabilmente nel passato, ma è tutt’ora ampiamente utilizzato, anche rivisitato nella maniera più disparata, sia nelle fragranze femminili sia in quelle maschili più vigorose. Pensiamo a Floris, a Talco Delicato di I Profumi di Firenze e così via. Una fragranza quindi piuttosto morbida e dolce, molto profumata e floreale. Le note di mentolo ci sono e si avvertono, ma non in maniera così evidente come si potrebbe pensare. Nell’analisi a “crudo” le si percepiscono più come note di fondo, mentre a contatto con la pelle diventa subito più evidente.

Sulla pelle, utilizzando uno erogatore/vaporizzatore, questo Floid risulta piuttosto acquatico ma sopratutto alcolico, un after shave che va dritto al punto e si fa sentire, senza sconti. Come dal barbiere. Inizialmente un sensazione di calore avvolgente poi lentamente (irritazioni permettendo) questa svanisce, lasciando spazio a una sensazione molto più piacevole e rinfrescante. Una grande differenza secondo me tra questo Floid e un classico after shave è che questo ti va a sostituire l’eventuale colonia, vuoi per il fatto che con l’erogatore si applicano dosi generose e più distribuite sul viso e collo, vuoi per le sue caratteristiche e la sua fragranza piuttosto prepotente, non riesco a pensare ad una successiva applicazione di colonie o eau de toilette, o almeno io nel tempo non sono mai riuscito ad abbinare le due cose secondo i miei gusti.

E si viene quindi al discorso della persistenza, sicuramente elevata per le prime due ore, poi lentamente ci lascia come è normale e giusto che sia. Una persistenza comunque buona. Il Floid The Genuine resta una di quelle fragranze che vanno provate almeno una volta, ma nel mio caso, non lascia un ricordo così indelebile e insostituibile. Ho spesso alternato questo Floid al CELLA dopobarba, e secondo me quest’ultimo rimane un vero classico intramontabile e molto più apprezzabile in ambito non professionale, dove normalmente viviamo noi appassionati. Non posso comunque far altro che consigliarvi l’acquisto, potete trovarlo su Amazon ma anche in molti negozi.

Truefitt & Hill Authentic No. 10, Crema da barba

0

Una crema che non colpisce sicuramente il nostro olfatto, ma l’impatto visivo la dice lunga sul prodotto e la resa finale. Si presenta in un vasetto elegante di buon formato, 200 ml, credo la crema da barba più economica proposta dal brand inglese. Tornando al discorso olfattivo (analisi a crudo mi piace definirla), non si sentono particolari aromi se non quelli di una corposa crema da corpo o da viso. nessun richiamo di menta, eucalipto, tè verde. Mi viene da pensare che ci siano molti ingredienti emollienti di originale naturale-vegetale. Un odore tendenzialmente piacevole se pur non di facile interpretazione. Guardando la crema è chiaro il collegamento tra l’analisi olfattiva e quella visiva. Si presenta molto cremosa e consistente, ma comunque morbida. Una crema così non poteva essere montata in ciotola, pertanto mi sono munito di un maiale con una setola piatta, e ho sperimento un face lathering completo, senza quindi passare da un pre-montaggio in ciotola.

E quale pennello adatto a tale scopo? Beh, avevo due opzioni; l’Omega 48 e il suo fratellino Proraso P/48. Alcune prove fatte mi hanno lasciato intendere che il pennello di Proraso fosse leggermente più trattato e lavorato per garantire un odore meno forte rispetto al 48 di Omega. Un’altra piccola prova, quella di lasciare i due pennelli con sapone montato per una notte, mi hanno confermato questa tesi. Ma di questo ne parleremo in un’altra occasione. Saltando quindi le sperimentazioni, utilizzo il Proraso P/48, che pare abbia perso un buon 30% del suo cattivo odore. Mi aiuto con le mani quindi, spalmando la crema di Truefitt direttamente sulle setole, la faccio penetrare sopratutto all’interno. Pennello ovviamente lasciato in ammollo dieci minuti prima della rasatura.

Con un pennello già umido e una discreta quantità d’acqua presente in esso, la crema prende già vita. Si percepisce maggiormente la morbidezza di questa No.10, lasciando presagire una gradevolissima rasatura e un effetto coprente di grande impatto. Aggiungo qualche goccia d’acqua, e con un viso in precedenza idratato (Proraso Bianca e panno caldo), procedo. La crema sembra reagire velocemente e “monta” subito in maniera omogenea, l’effetto coprente è notevole, tirando fuori il meglio di se quando si utilizzano movimenti laterali/orizzontali, piuttosto che circolari. Questo è un bene sia per il pennello che per la gestione stessa della crema. Abbino quindi movimenti circolari quando voglio rilasciare più crema e la stendo con movimenti laterali quando voglio l’effetto “stucco” per completare la parte interessata. La rasatura parte con un Fatip Grande versione oro equipaggiato con Astra Verdi. Al momento la mia configurazione preferita (metà 2018).

Sottolineo che anche in viso questa Authentic di Truefitt & Hill non emerge per profumazione, resta gradevole e neutra, il che mi fa già pensare all’after shave da utilizzare. Una rasatura che procede piacevolissima, sicura e protettiva. Niente inceppamenti del rasoio (della lametta direi), tutto scorrevole, con irritazioni pari a zero, considerando che non ho la mano e gli anni d’esperienza di un rasatore abituale, mi ritengo ampiamente soddisfatto. Ci scappa un taglietto zona collo, dove per cercare una definizione (non era una barba completa), devo inclinare il rasoio in una posizione non proprio consona e naturale. Qualche passaggio in più in zona basette e mento, non creano nessun tipo di problema. Tra un passaggio e l’altro ho sciacquato di nuovo il viso, sia per controllare la precisione della barba che per idratare nuovamente la zona. E poi, c’era da capire quanta crema servisse per una barba completa. Un’altra sorpresa qui, con una modestissima quantità di crema ho fatto tre passate in viso abbondanti e omogenee. Quindi non solo il formato da 200 ml a buon prezzo, ma anche la quantità di crema irrisoria da prelevare per ottenere la protezione giusta.

Nel complesso mi sento di definire questa Truefitt & Hill Authetinc No.10 una delle creme da barba più protettive in assoluto. Ha caratteristiche emollienti notevoli, una profumazione neutra e un post rasatura che non lascia per nulla insoddisfatti. Ho recuperato questa review da Amazon dove era pubblicata. Ad oggi la situazione non è molto diversa, prodotto sempre ottimo, valido in ogni occasione. L’unico update, è che oggi quando devo utilizzare una crema da barba molto densa preferisco utilizzare pennelli sintetici.

Truefitt & Hill balsamo profumato dopobarba

0

Truefitt, (Truefitt & Hill a partire dal 1935), marchio storico, addirittura il più antico negozio di barbiere (certificato) al mondo, offre una vastissima gamma di prodotti professionali per la cura della persona. Fragranze, cologne, accessori. Gli amanti della rasatura troveranno non solo un assortimento di pennelli e rasoi, ma anche creme da barba, ad esempio l’Authentic No. 10, già recensita, oli pre-barba e un’infinità di after shave in balsamo. La notorietà di questo brand è dunque indiscussa, così come la storia del marchio.

Il balsamo di cui voglio parlavi appartiene alla serie marchiata: Authentic No.10. Stessa famiglia, probabilmente anche per caratteristiche e profumazione, della crema da barba. Il balsamo profumato di Truefitt si presenta in un flacone in vetro, dalle linee morbide ed eleganti in un formato da 100 ml. Erogatore e tappo sono in plastica, chiude bene ma non perfetto. Nella confezione che mi è arrivata a casa ho trovato una discreta quantità di balsamo che era fuoriuscito proprio dall’erogatore a pompetta.

Il prodotto nel suo insieme si presenta elegante, e ci lascia immaginare che la qualità di questo balsamo profumato sia davvero alta. A naso la profumazione mantiene la linea base della crema da barba, quindi una profumazione avvolgente, calda, ma anche leggermente più legnosa a tratti. Rispetto alla crema da barba ci sono a mio avviso delle migliore proprio sulla fragranza. Mentre per la crema, l’impatto era quello di avere tra le mani una crema viso o corpo, mentre qui per quanto ci sia un richiamo a quella fragranza, le note sono leggermente più aperte e ricche. Un profumo davvero piacevole che non ci limita all’utilizzo nel periodo prettamente più freddo, ma anche in clima primaverile. Ovviamente, avendo a disposizione diversi after shave, alcolici e non, è chiaro che con l’alternarsi delle stagioni la tendenza sarà quella di scegliere con più attenzione l’after piuttosto che una lametta, un rasoio o una crema da barba, che per quanto possa avere note estive o invernali, la valutiamo per la sua coprenza, per le sue caratteristiche di rendere la rasatura confortevole. Credo che lo stesso discorso possa essere applicato ai profumi, colonie e quant’altro.

Ho quasi sempre utilizzato il balsamo made in UK dopo rasature “finite bene”. Voglio dire zero traumi, irritazioni, pelle esageratamente provata dalla lametta. Come ultimo test, per la causa, mi sono sacrificato un po’. Ho tentato un approccio diverso, adottando uno stile di rasatura più pratico e veloce, ovvero un rapido massaggio di crema pre-post barba e una crema da barba istantanea. Per la precisione ho testato dei prodotti, nuovi a dire il vero, della linea Christian Nobel, prodotti professionali distribuiti dalla Worldhair Srl, di cui ovviamente vi parlerò ampiamente. Per quanto la rasatura sia andata bene, la pelle rispetto ad altre rasature, era, se pur non visibilmente, più provata. Il contatto della lama sulla pelle è stato più netto. A circa dieci minuti di distanza dalla rasatura, comincio il massaggio in viso col balsamo di Truefitt No.10.

La consistenza è studiata bene, si riesce a stendere facilmente sul viso coinvolgendo tutta la pelle, quindi con un buon attrito per così dire, tra le mani e il viso. Ci possiamo dunque concedere un breve ma intenso massaggio. La profumazione resta il punto di forza, così delicato ed elegante, ma anche speziato ed agrumato. Metteteci della fantasia se serve. E’ infatti in viso che questa fragranza emerge in tutto il suo interessante spettro olfattivo. Mi sento dunque di dirvi che l’Authentic No.10 può essere utilizzato in buona parte durante tutto l’anno. La persistenza non è invece tra i suoi punti cardine, ma a parer mio questo resta sempre un aspetto fin troppo personale. Persistenza che si attesta comunque in circa un’ora abbondante, ma anche più. Nelle giornate calde, sudando, sarà più facile, visto il dilatamento dei pori, che si possa sentire maggiormente sul viso.

Sul prezzo… non voglio esprimermi troppo, ma circa 17,00€ su Amazon mi sembrano eccessivi. Ci sono svariati shop online che propongono questo balsamo a costi inferiori, e per 100 ml un prezzo massimo di 15,00 € sarebbe a mio avviso più indicato. Il prodotto resta decisamente interessante e credo valga la pena non solo provarlo, ma averlo a disposizione per tutta la stagione. Ho recuperato questa recensione su Amazon dove era pubblicata, i prezzi sono più alti, ma visto il periodo è probabile che tornerà a scendere. Vi consiglio di aspettare prima di procedere all’acquisto.

Via Barberia Aquae Shaving Cream

0

L’analisi a crudo di questa Aquae mi aveva colpito già in negozio, nonostante la miriade di odori provenienti da ogni dove. Nonostante questo percepivo già delle delicate note di mandorla, forse cocco. Molto dolce, direi quasi un simil-CELLA, ma ampiamente rivisitato e a mio parere molto più gradevole. A queste prime note di mandorla si aggiungono quelle più acquatiche, note di fondo che abbinate alla nostra immaginazione (olfattiva) ci faranno sentire acqua marina e spiagge tropicali. In fondo è anche questa la rasatura, magia, immaginazione, il tempo che sembra fermarsi intorno ad essa. Ma non c’è tempo per viaggiare con la fantasia perché bisogna radersi e tra le mani abbiamo un rasoio!

Definito il pre barba ho optato per un Semogue 1800, un pennello che io adoro moltissimo, sia per l’impugnatura che per le setole, piuttosto composte, rigide, ma non aggressive sulla pelle. Una prima caratteristica che ho notato dell’Aquae, è che tende a rimanere aggrappata al pennello tanto quanto alla ciotola. Questo è successo anche nei test successivi e con altri pennelli. Questa crema ha una forte personalità, ma non in termini di consistenza, molto differente da una Authentic N.10 per citarne una. Il volume che raggiunge è ampio, bisogna necessariamente fargli prendere poca aria e non abbondare con l’acqua, mandando giù la crema col pennello aperto, impregnandolo quindi al suo interno. Rischiate altrimenti di ritrovarvi con la crema montata ovunque tranne dove vi serve.

Si procede dunque alla rasatura, ma i risultati ottenuti col Semogue non sono eccezionali. Premetto che il 1800 richiede un bel rodaggio e lui è ancora troppo “giovane“. La rigidità delle setole non aiuta. In generale un pennello che non si presta a movimenti circolari e aperti non sarà molto indicato. Nonostante questo ho portato al termine la rasatura con discreti risultati. Ma non ho voluto basare le mie opinioni sulle prime prove con Semogue, non avendo raggiunto l’effetto coprente che invece, a parer mio, questa crema può regalare. Gli approcci successivi sono stati col Proraso P/48, sappiamo chi lo produce. Beh, qui la differenza è stata come il giorno e la notte. Il problema in ciotola fondamentalmente è rimasto invariato, con la crema che tende a salire e a perdersi qua e la, ma sul resto le cose sono cambiate. Stessa quantità d’acqua, 4/5 gocce, con un prelievo di sapone di 20 secondi circa. La crema raggiunge il suo volume abbondante come sempre, rimane consistente però e non si intravedono particolari bolle d’aria. Proviamo così a stendere sul viso. Distendere questa Aquae di ViaBarberia col P/48 è stato un vero piacere. Una crema morbida che col passare delle varie pennellate ha preso man mano vita regalandomi un bellissimo effetto coprente, non solo visivo ovviamente ma anche pratico.

Una volta sul viso si sente, se pur in maniera discreta, quasi la totale piramide olfattiva, con queste note di testa e di cuore leggermente mandorlate, e un senso di freschezza che ci sta decisamente bene. Pur avendo utilizzato un olio pre barba molto protettivo come l’Osma, l’Aquae ha decisamente contribuito ha rendere molto scorrevole il rasoio e la lama. Nel mio caso un setup apparentemente semplice, come l’R89 abbinato a un’ASTRA Superior Platinum, ma non per una scelta di semplicità di utilizzo, tutt’altro. Sono di quell’idea che abbinare un closed comb a una lametta particolarmente docile, vedi ASTRA verdi e simili, può avere diversi svantaggi. Nelle parti più omogenee del viso tipo guance e basette nessun problema, ma è la zona mento, baffi e collo dove si possono verificare problemi di scorrevolezza e inceppamenti di una lama non particolarmente affilata e un sapone che non aiuta a farla scorrere, che ci impegna quindi ha passare il rasoio più volte.

Ho quindi voluto accertarmi che la crema fosse sufficientemente coprente e con caratteristiche di scorrevolezza tali da poter ripassare più volte il rasoio. Prova ampiamente superata per ViaBarberia. Doverosa precisazione; ho passato il pennello in viso più di tre volte (direzione del pelo, obliquo e contropelo), di conseguenza gli ultimi passaggi non erano neanche particolarmente ricchi di crema, ma tutto ha funzionato a dovere. Un post rasatura molto gradevole, sia perché non c’erano irritazioni, ma sopratutto perché nonostante l’allume di potassio, la pelle non è risultata secca nelle ore successive.

Ho recuperato questa mia recensione da Amazon, era pubblicata qui. Ad oggi non posso far altro che confermare la bontà di questo sapone, uno dei pochi a viaggiare sempre con me. Purtroppo il prezzo attuale online non è dei migliori, vi consiglio di cercarlo in negozio. In ogni caso vi lascio il LINK, se capitasse qualche sconto-offerta.

Erboristica di Athena’s, lozione PRE – BARBA

0

Ammetto che non conoscevo questa azienda fino a poco tempo fa. Girando in qualche negozio ben fornito di prodotti da rasatura mi sono imbattuto in questa lozione pre barba di Athena’s, Cosmetica Naturale Italiana. Perché si, nome a parte parliamo di un’azienda tutta italia che pianta le sue radici a Pianoro, Bologna, addirittura nel 1969. Una storia che ho avuto modo di approfondire proprio in questi giorni e devo dire che è davvero ricca ed interessante.

Prodotti made in Italy vanno tutelati, sempre. Aziende che ancora oggi credono in questo paese e non solo investono materialmente, ma che credono in quello che fanno mantenendo standard qualitativi estremamente elevati, con un’altrettanta capacità di adattarsi al mercato restando fedeli ai propri principi e quanto più possibile vicino ai consumatori. Beh che dire, da consumatore credo di aver fatto una bella presentazione a quella che reputo un’azienda da tenere sotto osservazione per noi amanti del benessere e della cura della persona.

Come dicevo non conoscevo l’azienda ed il prodotto che ho acquisto. Parliamo di una lozione pre barba della linea L’Erboristica Uomo. Ha catturato la mia attenzione per vari motivi; un formato da 125 ml con un gradito omaggio, un balsamo dopobarba lenitivo ed idratante da 20 ml, neanche poco. Costo? Decisamente interessante, ne parleremo dopo. Il prodotto si presenta in una bottiglietta in plastica ben curata, vengono riportate info di varia natura, oltre l’INCI infatti troviamo delle sigle che indicano che il prodotto è tra l’altro; Vegan Ok, Impatto Zero, e una molto importante nei cosmetici ovvero il Nickel Tested, in questo caso 1 PPM, che è il limite di tolleranza raccomandato. Il prodotto è PAO 12M (Etichette PAO) ed è prodotto utilizzando energia solare.

La prova sul campo (era ora) è stata abbastanza interessante. Che l‘Athena’s fosse un po fuori gli schemi, in senso positivo intendiamoci, lo avevo capito ed apprezzato, trovo infatti la presenza di Aloe Vera in questa lozione PRE-BARBA, decisamente non convenzionale. Siamo abituati a questa componente lenitiva e rinfrescante in prodotti post-rasatura e creme, che normalmente ci aiutano a prevenire arrossamenti, ad aiutare la pelle a rigenerarsi dal trauma della rasatura, e infondo, sappiamo anche che ha proprietà non proprio emollienti e che tende piuttosto ad asciugare-tirare. Con cautela comunque e senza farmi troppe domande l’ho provato, e l’esperienza è stata piuttosto soddisfacente. Il liquido è acquoso quando viene versato sulla mano. Una volta applicato in viso tende già ad ammorbidirsi, prende quasi un’altra forma, e massaggiare il viso diventa molto piacevole. L’odore è gradevole e si percepisce perfettamente il principio di aloe. Se dovessi optare e preferire una stagione in cui utilizzare questa fragranza, direi autunno e inverno.

Quasi subito come dicevo tende ad asciugarsi l’acqua presente nella lozione, rimane una pelle non particolarmente scorrevole, morbida ma un po’ appiccicaticcia. Lo si sente anche sulle mani. Non la paragonerei dunque ad un olio pre barba come facilmente si potrebbe etichettare, in quanto lozione lascia spazio e margine alla tipologia di prodotto alla quale appartiene l’Athena’s Uomo. La rasatura nel complesso è stata buona, ma con qualche dubbio sul finale. Leggevo ancora l’INCI e ammetto di aver trovato delle cose molto interessanti ad esempio: Acido Malico, Pantenolo, Allantoina. Tutto questo mi fa pensare che la lozione uomo pre-barba di Athena’s sia una vera cura per la pelle in fase di pre rasatura, non tanto per garantire la massima scorrevolezza del rasoio, compito che spetta comunque in buona parte al sapone o alla crema da barba, ma a tutti gli effetti quasi come una maschera di bellezza. Voglio dare fiducia a questo prodotto utilizzando prossimamente come dopobarba, magari evitando l’allume di potassio. Ovviamente, avrò modo di recensire il balsamo dopo barba non alcolico che mi è stato regalato.

… dimenticavo, il prezzo, 6,00 € ad esagerare. Sono riuscito a recuperare questa recensione su Amazon, dove l’avevo pubblicata diverso tempo fa. Se vuoi contribuire a questo articolo scrivimi!

Erboristica di Athena’s, Balsamo dopobarba

0

L’Erboristica, linea prodotta da Athena’s, vanta un notevole assortimento di prodotti dedicati a; viso, corpo e capelli. Non solo, tutta l’intera produzione è Ecosostenibile, certificata. Ho avuto modo di parlarvi di questa azienda nella recensione della lozione pre-barba (Link), in quel caso senza nascondermi, avevo testimoniato la mia completa non conoscenza di questa azienda, così italiana e così attenta. Un’azienda appunto non solo interessante per ciò che offre, ma per tutte quelle accortezze oggi richieste, diciamo pure “green”, e appunto l’ecosostenibilità.

Avevo chiuso la precedente recensione, sul pre barba, proprio dicendo che avrei testato con piacere quel gradito omaggio incluso nella confezione, il balsamo appunto, qui oggi recensito. Avrei potuto scrivere quasi subito la recensione di questo balsamo ma ho voluto, non solo finire il generoso campioncino, ma acquistarne una confezione intera. Anzi… scusate, me lo sono fatto regalare per dirla tutta.

In ogni caso, mi ritrovo al termine anche di questa confezione, quindi credo la recensione sia in generale completa e almeno per me affidabile. Il balsamo non alcolico di Athena’s si presenta in un tubetto morbido da 100 ml. La grafica è la stessa che abbiamo visto in precedenza, quella della lozione e dei prodotti dedicati a noi maschietti. Il tappo in plastica chiude bene, e questo mi interessa specificarlo.

Al naso questa crema è a parer mio eccezionale. Ha una profumazione che se pur non esageratamente originale, risulta sempre avvolgente e piacevole. Note probabilmente meno estive, quasi autunnali. Niente eucalipto, mentolo, siamo su note decisamente più calde, con qualche spunto di freschezza se pensiamo ad aloe e ginseng che la fanno da padrone in questo balsamo dedicato, non solo al post rasatura ovviamente, ma in particolar modo a pelli sensibili, e per chi magari accusa maggiormente quel bellissimo trauma chiamato: rasatura tradizionale. Non manca il pantenolo ,(panthenol), con le sue proprietà ampiamente apprezzate e conosciute. Quanto a consistenza, parliamo di un prodotto non particolarmente denso, qualche punto in meno rispetto ad un balsamo tipo: Truefitt & Hill No.10, che non è però un vero punto in meno, semplicemente due balsami differenti. Sul viso si stende bene, ed è un piacere massaggiarsi il viso con questo prodotto post-rasatura, una vera crema per tutto il viso. Tende ad illuminare un po’ la pelle, quindi attenzione. Il consiglio circa l’utilizzo è quello di stenderla a viso asciutto e riposato, magari attendere qualche minuto prima di uscire, specie in queste giornate infuocate.

Ma alla fine come va questo balsamo? Devo premettere che fino a poco tempo fa, l’idea di un post rasatura era limitato al gettarmi benzina… ehm, alcol puro sul viso. Lo descrivo ironicamente così, ma infondo quando termini una rasatura, magari non perfetta, con un Floid, che sia vaporizzato o meno, la botta alcolica si sente eccome. E non c’è da nascondere il fatto che la cosa ci piaccia.

Però insomma, nel mio caso Athena’s ha fatto centro regalandomi quel campione. Svariati post rasatura l’ho terminati con questo balsamo, applicato sempre con qualche minuto di ritardo a pelle riposata. Il mio consiglio, esteso anche per gli after shave alcolici, è quello di far comunque riposare qualche minuto il viso prima si stendere qualsiasi crema o gettarsi qualsiasi altro prodotto addosso. E’ importante valutare le condizioni della pelle, non solo a sensazioni ma anche visualizzando come la pelle ha reagito al rasoio. A prescindere che il dopobarba sia arricchito di pantenolo, ginseng o aloe, il trauma per la pelle resta invariato, e si è spesso a rischio irritazione – sfogo quando andiamo a provocare il viso con alcol, e/o a ostruire pori con creme e prodotti affini. Il balsamo dopobarba della linea Erboristica mi ha sorpreso, lasciandomi sempre una pelle morbida ed elastica. Non ho avuto inoltre problemi legati ad eventuali eccessi di sebo o pori ostruiti.

Considerando il prezzo… anzi no dai, invertiamo la tendenza a partire dal costo, almeno in questo caso. Considerando dunque il made in Italy, l’impatto zero, la qualità generale del prodotto, non provarlo sarebbe davvero un peccato. Il formato è generoso, 100 ml per un prodotto che può durarvi davvero un bel po’ di tempo, io l’ho usato spesso anche come crema viso la sera, e addirittura per un post-mare… due mesi quasi di utilizzo, ovviamente alternandolo a una miriade di altri after. Non dimentichiamoci il costo… 8.50€, prezzo ufficiale. Su Amazon si trova a qualche € in più, ma è facilmente reperibile in vari negozi, tipo: Tigotà. Vi lascio comunque il LINK se non lo conoscete. Fatemi sapere!

Proraso: linea verde, lozione dopobarba

0

Per quanto sia affascinante ed emozionante sperimentare nuove fragranze, sentivo il bisogno di scrivere qualche riga su quello che è forse l’after shave alcolico più comune oggi in commercio, cioè la linea verde di Proraso. Per comune non voglio intendere nulla, se non che sia un prodotto commercialmente molto diffuso, dal costo estremamente accessibile, e che forse un po’ tutti hanno almeno una volta “assaporato” o ancora meglio testato.

Ed eccoci dunque a parlare di questo after shave dalla buona dose alcolica, fresca, arricchita con diversi elementi quali; olio di eucalipto, mentolo. Ed è proprio quest’ultimo elemento a farla da padrone, da qui poi l’appartenenza, di diritto, a quel gruppo dei così detti; mentolati. Categoria alla quale sotto certi aspetti può essere collocato anche il più classico Floid, che poi nello specifico lo si possa definire più un “talcato” è altrettanto giusto.

Il dopobarba di Proraso, linea verde, si presenta nella più classica boccetta in vetro con tappo in plastica da 100 ml. Grafica essenziale e pulita, senza un vero e proprio INCI ma con delle indicazioni basilari circa le componenti, cioè: eucalipto e mentolo. L’analisi olfattiva di questa lozione rinfrescante è comunque piacevole, diretta. Per quanto semplice e di vecchio stampo, sa catturare l’attenzione. Si sente chiaramente la predominanza della base alcolica unita a spiccate note di mentolo. Note quindi molto fresche, estive, e quale miglior periodo per farne uso generoso?

Anche in un prodotto più scontato e forse banale, come la verde lozione di Proraso, ci possono essere delle sorprese. Ed è proprio il caso di questa lozione. La prova sul campo mi ha lasciato in parte soddisfatto, e in una più piccola parte anche arrabbiato. Beh, anzi tutto la base alcolica non è così eccessiva e irritante come la immaginavo, parliamo secondo me di 6-7 punti su 10, sotto il CELLA e sicuramente anche sotto il Floid. Non è una lozione semplicemente fresca e acquatica, ma lascia una leggera sensazione di morbidezza, dovuta sicuramente a quelle gocce di olio aggiunte, a mio avviso fantastiche. La fragranza l’abbiamo capita, e non è sicuramente la persistenza il suo punto di forza. Quella piccola parte di me che è arrabbiata, lo è per quanto questa lozione sia poco apprezzata, vuoi per il prezzo, vuoi per la banalità della fragranza, o perché sia il classico prodotto da scaffale, a mio parere resta comunque uno di quei prodotti da avere nel proprio armadietto.

La persistenza resta comunque uno degli aspetti critici di questa lozione, meno di un’ora per non sentirla più. Il prezzo si attesta intorno ai 5,00 €, ma si trova anche a meno. Vi lascio il LINK per Amazon, ma si risparmia molto comprandola in negozi fisici.

SPIGA, Crema da Barba di Boellis

0

Si presenta in un vasetto in plastica non molto dura, in un formato generoso di 220 ml, un’estetica curata nel suo stile minimal. Bella la scatolina in cui viene confezionata. L’analisi olfattiva è semplice quanto interessante, si percepiscono agrumi, grano, odore di campo, note particolari ma al contempo sobrie e contenute. Inizialmente forse non la si apprezza, non nell’immediato appunto, ma più la si utilizza e più la fragranza diventa evidente, palpabile, e viene voglia di riprovarla.

Il primo approccio con questa crema mi ha lasciato un senso di incompiuto, consapevole che non la stavo sfruttando a dovere. Ho iniziato con un pennello Omega in setola effetto tasso, il piccolo 103 mm per intenderci, che avevo nei giorni precedenti ammorbidito con del prodotto per capelli (ha funzionato). Pennello piuttosto compatto, punte pronunciate, buono per prelevare saponi artigianali, magari anche un po’ duri. La scelta non era tanto dovuta alla crema da barba, ma più come test per il piccolo 10218. Difficilmente inizio delle prove in face lathering, a parte quei casi dove è evidente il tipo di crema, vedi la Truefitt & Hill per esempio. Sono andato diretto in ciotola quindi e con poche gocce d’acqua. Il primo montaggio e l’applicazione sul viso, come detto, non è stato il massimo, nonostante la crema sia risultata coprente non ha dato il suo meglio, non arrivando alle tre passate principali, nonostante la generosa dose di crema prelevata. L’ultima passata infatti era quasi inesistente, uno strato sottile e poco coprente. Da questo primo test ho però apprezzato come l’attrezzatura in generale sia rimasta pulita già con qualche passata sotto l’acqua corrente, nessun’alone su rasoio e ciotola, problema che avevo riscontrato con l’Aquae di ViaBerberia.

Decisamente meglio le prove successive. Per avere un riscontro a 360° bisogna utilizzare prodotti se non diametralmente opposti, quasi. Passaggio a Omega 48, forse era da considerarsi già il pennello principe di questa prova, ma tentar non nuoce e sperimentare è d’obbligo per me. Si mette via anche la ciotola, si monta in viso con il pennello degnamente umido, giusto un paio di gocce d’acqua in più. Effetto coprente ai massimi livelli, un’incredibile strato di crema perfettamente compatto, sostanzioso. Ma c’è un problema… i successivi passaggi di Omega non sono allo stesso livello del primo. Quindi non altrettanto compatti, cremosi, protettivi. Tra dubbi e perplessità, si cerca la via intermedia. Passo a Proraso P/48, ufficialmente non cambia nulla, se non che il Proraso abbia un’odore meno pesante e sia più “rodato” dell’Omega. Torna la ciotola ma con una buona dose d’acqua.

Fantastico, senza mezzi termini. In ciotola prende letteralmente vita, leggera, vellutata, morbida. Si stende, anzi si massaggia che è una goduria. Sicuramente rispetto ai test svolti in precedenza perde un po’ di copertura sul viso, ma la sua vera natura è decisamente questa, considerando anche che una buona rasatura non passa dalla quantità di crema applicata ma da un’insieme di fattori, ma ancor più importante il conoscere la nostra pelle. Una crema da barberia a tutti gli effetti, non ho dubbi che possa essere utilizzata direttamente in viso, ma a patto di utilizzare una generosa dose d’acqua. Dopo diversi test finalmente trovo con soddisfazione il giusto modo, per me s’intende, di applicare questa SPIGA di Boellis, eccezionale davvero.

Mi dispiace solo che nel periodo di prova della Boellis ho in maniera parallela testato le ASTRA Stainless, una tortura per il mio viso. Il che non mi hanno fatto apprezzare pienamente il post rasatura, forse farò dei cambiamenti nei Credit Score di questa SPIGA. Il prezzo… 25,00€, ma non spaventatevi, sono 220 ml e li vale decisamente tutti. Ho recuperato questa recensione da Amazon dove l’avevo pubblicata. Aggiornamenti ad oggi non ce ne sono, il prodotto rimane a mio parer di alto livello, per quanto l’unica recensione di questo prodotto su Amazon sia proprio la mia, forse non è stato apprezzato o visto il prezzo (addirittura aumentato) non abbia venduto attraverso questa piattaforma. Peccato, non mi sento di consigliare spassionatamente una crema da barba al prezzo attuale, ma se avrete modo di provarla non lasciatevi sfuggire l’occasione. Il LINK per Amazon, nel caso fatemi sapere.

Proraso crema pre-barba linea bianca

0

Si presenta subito bene, vetro per il vaso e plastica dura per il tappo, esteticamente curato. Pratico il formato da 100 ml. L’analisi olfattiva prima dell’applicazione sul viso mi riporta a una tipica crema per le mani, mi viene in mente la più economica Nivea nel vasetto in plastica. L’analisi continua ma non riesco a cogliere le note di tè verde e avena promesse, se non qualcosa di leggermente mentolato. Forse il mix di profumazioni e ingredienti contenuti all’interno non aiuta. E’ comunque una profumazione sobria, non invadente. L’applicazione sul viso è semplice, la consistenza simile a quella che avevo immaginato scoprendone la profumazione, quindi paragonabile a un prodotto dedicato alla cura delle mani o del viso. Si stende bene e la pelle sembra apprezzare. Qui la profumazione emerge in maniera vistosa, si fa sentire il mentolo, qualche nota agrumata, un senso di freschezza che non mi aspettavo. Qualche accenno di limone, tè verde in lontananza. A seguire ho utilizzato la crema da barba di CELLA, tutto sommato le due profumazioni non sono andate in contrasto.

La rasatura è andata decisamente bene, zone delicate come la zona baffi e il collo non hanno riscontrato particolari problemi di saltellamenti o lenta scorrevolezza. Avevo già avuto modo di provare il CELLA con un altro pre barba, quale l’Osma, in olio, beh devo dire che il Proraso si è comportato egregiamente. ll post rasatura non porta segni particolari del trattamento, un aspetto che in questo caso considero favorevole, o almeno lo è quando il pre barba che utilizzo è in crema. Troppi residui o una pelle che assorbe troppe sostanze dai vari prodotti non è a mio avviso un bene, a meno che i prodotti non siano particolarmente naturali e di ottima qualità. La Proraso come altre creme definite PRE, possono essere applicate anche come POST. Nell’INCI di questa Proraso bianca non ci sono comunque gli elementi che cerco (oggi) in prodotti per la cura della pelle, se non l’estratto di Timo (non sappiamo in che quantità), che ha un’azione antibatterica e di prevenzione contro le irritazioni. Per il resto è un prodotto commerciale come tanti o quasi tutti.

Per concludere direi che a parità di costo e di resa, l’acquisto è sicuramente giustificato.
Ho recuperato questa mia recensione direttamente da Amazon, con qualche modifica ora è di nuovo online. A distanza di qualche tempo, per la stessa idea di voler applicare sulla mia pelle meno prodotti possibili, oggi non utilizzo spesso se non mai questa Proraso, ma resta senza dubbio un valido preshave.

CELLA crema da barba all’olio di mandorla

0

Il CELLA crema da barba si presenta in un vasetto in plastica dura da 150 ml, di un colore molto accesso e vivace. Tutto molto essenziale e pulito. L’analisi olfattiva è molto intensa, si sentono subito le note di cocco, di latte di mandorla. Una profumazione che difficilmente scordi, ma che con facilità puoi non apprezzare più. Una profumazione così intensa e coprente lascia presagire una rasatura altrettanto importante, con garanzia di scorrevolezza e protezione della pelle. Ho fatto varie prove su quale pennello utilizzare con questa crema all’olio di mandorla e la prima conclusione certa è che non la utilizzerò mai più con un Omega 48 nuovo di pacca, e in generale con pennelli animali che abbiano odori forti. Il contrasto è decisamente pessimo. Ho optato quindi per un Semogue 1800, fantastico per maneggevolezza e morbidezza.

Ho tentato vari approcci con questa crema da barba per ottenere i risultati migliori possibili. Cercavo un effetto coprente, quasi a stucco. Credo che come per la maggior parte delle creme di questa consistenza, valga la regola del montaggio in ciotola, seguito da un abbondante face lathering. Nei primi tentativi ho utilizzato più acqua di quanta ne servisse, ingannato dalla compattezza e dall’aspetto visivo di questa crema. Un abbondante rotazione del pennello nel vasetto e una discreta quantità di giri in ciotola, con l’aggiunta di sole poche gocce d’acqua, mi hanno garantito l’effetto che volevo. La profumazione in ciotola rimane standard, lo stesso per quando viene stesa sul viso, per fortuna. Mantiene dunque le sue spiccate note di mandorla e cocco, ma sotto la soglia di “sopportazione“, per chi come ho già detto, non ne vuole sapere di certi odori. Già nelle precedenti rasature avevo percepito una buona scorrevolezza complessiva del rasoio, con arrossimenti e irritazioni pari a zero, anche utilizzando un Fatip open comb. Due sbarbate, una di giorno e una di sera (non nello stesso giorno), mi hanno fatto capire quanta protezione garantisca il prodotto CELLA. In particolare ho trovato maggiori benefici utilizzando un pre barba in crema, tipo il classico Proraso. Anche se alla lunga ho cercato alternative per non caricare eccessivamente la pelle di creme e sostanze.

Il post rasatura è decisamente buono, svaniscono le massicce note olfattive descritte lasciando spazio ad altri prodotti. Pelle morbida, elastica, ci si prepara all’after shave senza problemi. Mi preoccupava utilizzare una crema così mandorlata, tutte le mie fragranze, colonie o profumi in generali si discostano molto dal CELLA. Ho avuto piacevoli risultati sia con la lozione della stessa CELLA, che adoro, che con il classico Floid arancione.

Insomma, abbinare i prodotti è oltre che un assoluto divertimento anche un’accortezza di noi rasatori, ma non preoccupatevi più del dovuto. Continuerò ad utilizzare quello CELLA nel periodo estivo, abbinandolo a dei dopo barba freschi, acquatici. Sono riuscito a recuperare questa recensione da Amazon, dove era stata pubblicata circa due anni fa. Ad oggi posso dire di aver abbandonato quasi del tutto questa crema da barba, che resta però un capo saldo della rasatura tradizionale e che non farei mai mancare nel mio armadietto. LINK, se vuoi trovarla su Amazon, prezzo-prestazioni sempre eccellente.

Date un’occhiata anche al sito ufficiale!
http://www.cellamilano.it/it/